penna

Fola ad Nadàl

di Egidio Carella – 1947

Sum a Nadàl e di angil invisibil
i fann tùtt al pussibil
par preparà un spettacul
c'an mètta in dl'anma un sintimeint gentil,
un bris ad puesia..
L'è miga tant cmè dil !
Ag vòl un ver miracul,
ag vòl ad la magia !
Là in ària, in ària, tgnì da fil ad rev,
lùsa e dindona dill parleein ad nev.
Cus peinsnia i'angilein? Seinza di gnint,
c'un sisurein d'argint,
i vann a dastaccà tùtt ill parleein
ch'i taccan a dà zù con dill cupplein:
is curran drè, is surpassan, gh'è chi ac zòga
andan in sà e in là a bissabòga,
gh'è chi ac sa sconda,
gh'è chi ac danza..
cma fa chill ballareein ca va in sal fil..
a l'è una bella festa ad bianc, na baraonda
ad farfalleein gentil
inebrià d'altèzza e ad luntananza.
Quand ì'enn rivà a l'altèzza dill noss turr,
i lassan lè da curr.
Tant cmè d'inveran, fatt asgionf dal zel,
i passarein ch'i piomban zù dal ciel
par vèd as gh'è quàlcosa da plùccà,
quand i'enn a metà strà
is ferman tùtt in grupp
in sill grundaan di cupp
e i guàrdan suspettus col so tastein
se in curt gh'è stes dill voot un trappulein
nascost sutt a la bùla dill casseein,
istess fann il parleein :
i restan un mumeint incert, suspes,
naturalmeint surpres
da vèd al mond attacc, la prima vota,
coll bestii, ill pucc', la mota,
i'om tùtt intabarrà, ill donn col pel..
-El cust al mond ? Turnum, turnum in ciel !-
I sercan un pò ad veint par turnà sò,
ma l'è tropp tàrdi, urmài igh la fann pò.
S'as rùgla tropp in bass,
as pòl asbarbattàs,
pentis e rampigàs,
ma an ta guadagn pò un pass.
L'è csè par i'om, pr'ill peral, pr'ill farfall.
E i fiocc i vegnan zù màlavluntera,
ma inesurabilmeint.
In dl'atmusfera
in gh'enn che lur ad viv,
fassà ad sileinzi, turmintà dal veint.
Ancura un tentativ
par sullevàs,
almenù par farmàs..
ma an gh'è pò gnint da fà;
gh'è appena da sarcà
in duv pudì pusàs
seinza duvì spurcàs
quand i tuccrann al mond;
i pàlpitan cunfùs, disurientà,
ogni second
i cambian direzion
e ag mòra la speranza, la vluntà.
Ancura un attim ad palpitazion..
po i tuccan terra...L'ùltim batt ad còr
e dop is mòvan pò.
Sa fum par cattài sò
ia vadum mòr
in d'una lacrima, spuntà, fiurì
in dal mumeint precis ch'i enn asvanì.
Fatt d'anma ,ad lùs, ad ciel, ad luntananza,
cma fannia a viv a nossa sumiglianza ?
Gnirrà a risùscitàia un ragg' ad sul,
l'ia purtarà sò in vul
duv i'eran una vota.
Chemò gh'è troppa mota!
Chemò as la sguazzum nòi.
Fòra che i'om e ill bestii, ga sta ansòin.


neve in piazza sant’Antonino

Il nostro poeta Egidio Carella, immagina come una fiaba, la discesa dal cielo dei candidi fiocchi di neve. Scrive che nel cielo, angeli invisibili taglino i sottilissimi fili che tengono legati le perline di neve. Queste, una volta libere, iniziano gioiosamente la discesa verso la terra; chi con capriole chi zigzagando come un serpente, si sorpassano, danzano, si nascondono ma inesorabilmente discendono. Bellissimo è il paragone con i passerotti che d'inverno gonfiano le piume per il freddo e dall'alto scrutano il suolo sottostante per vedere se sotto alla paglia delle cascine non vi siano nascoste delle trappole, intendendo loro cercare rifugio. Così le perline di neve durante la loro discesa si trasformano in fiocchi, indugiano in cerca di un’alito di vento che le riporti in cielo. Vedono per la prima volta gli uomini, le pozzanghere gli animali. Sono troppo stanche per risalire e allora cercano un posto dove posarsi. Loro muoiono in una lacrima, fiorita proprio nel momento in cui svaniscono. Ma il sole le resusciterà riportandole su nel cielo da dove erano venute.


neve sul pubblico passeggio