penna

Racconti e Ricordi di Giorgio Vecchi


In questa pagina vogliamo raccogliere gli scritti, le storie e i racconti di Giorgio Vecchi che ama scrivere di Piacenza con una normalità straordinaria che non è mai scontata.
"Al solit profesur.."


saluti da piacenza del 1 gennaio 1899


la Cattura del Partigiano "Sandokan"
mia Madre Capobranco
una Gita Maledetta
la Colombella
i Tortelli della "Siura" Maria
il Barino e il Tramonto dei Caffè Cittadini
una Pistola Pericolosa
come Divorziai dalla Vespa
il Drammatico Suicidio di Luigi Tinelli
un Palco al Municipale
l'0ccupazione del Terzo Piano
Camerieri d'Altri Tempi
Ricordo di un Maestro
mio Padre Paraninfo
il Patek Philippe di Avogadri
un Assalto al Bordello di via Croce
le Baracche di Don Alberto
il Maresciallo e il "Vidon"
la Leggenda di Santa Lucia
i Miei Primi Compagni
la Vendetta di Bot
la Scomparsa del Ritratto di Balbo
un Pranzo a Casa Vigorelli
una Visita dei Boiardi
le Cotolette dello zio Ferrari
un "Messicano" di Casa Nostra
il Portachiavi di Nando
il Cappotto dello zio Gigi
dal Bottegone al Roma
un Cantante per il Maestro Carlo Concina
il Destino di Bruna Rasa
un Concerto di Mozart
le Gite Gastronomiche sulla Mitica Carlotta
lo Studio di Giacobbi
Inverni e Febbroni "d'Antan"
la Refezione di Faggi
il Tram Ippotrainato dei Tinelli
il Circo a Piacenza
il Racconto del Violinista Fantasma
Maghi, Indovini e chiromanti al Vecchio Roma
la Palla di Neve
l'Odore dell'Età
quel Giorno che Coppi venne al vecchio Roma
l'inventore Legati
gli Ambulanti di un Tempo
i Biscotti dal siur Pierino